Dante Galli, azienda storica artigiana a tradizione familiare. Disegniamo e produciamo imbottiti e tende di alta qualità interamente lavorati a mano.

+39 02 3564733 info@dantegalli.it

Blog

HomeArredamentoCome scegliere il tessuto migliore per divani e poltrone
scegliere il tessuto

Come scegliere il tessuto migliore per divani e poltrone

Quando devi scegliere il tessuto per gli imbottiti del cliente del tuo studio di architettura o di interior design, oltre alle esigenze estetiche del complemento d’arredo, è molto importante valutare anche le esigenze pratiche.

Come fare? Sulla base della nostra esperienza tecnica, di seguito proponiamo la nostra breve guida per scegliere il tessuto o la pelle migliore per il tuo imbottito:

1. Parti dallo stile di vita del tuo cliente

Per scegliere il tessuto giusto, è sicuramente utile, infatti, capire lo stile di vita della persona che userà l’imbottito richiesto: una famiglia con bambini piccoli, per esempio, potrebbe preferire materiali più resistenti e più facili da pulire rispetto a una persona che vive da sola o che soggiorna nella casa che stai arredando solo per le vacanze.

2. Affidati alle competenze di un tappezziere esperto

Compito del tappezziere è saper riconoscere i pregi e i difetti dei diversi materiali da usare: il velluto, per esempio, è un materiale di grande impatto visivo, ma se un cliente ha bisogno che i suoi arredi siano realizzati in materiali facilmente gestibili, rischia di rimanere deluso. Se il tuo cliente cerca soluzioni che non richiedano particolare manutenzione, la seta potrebbe rivelarsi una scelta azzardata, in quanto non è facile da pulire quando si creano delle macchie. Il lino è molto resistente, ma i suoi colori chiari potrebbero essere difficili da gestire per una famiglia particolarmente impegnata o con animali domestici.

3. Pensa a dove posizionerai l’imbottito

Altro aspetto da considerare è la stanza nel quale l’imbottito verrà posizionato: i pezzi che si trovano in stanze spesso abitate, come i soggiorni, avranno bisogno di tessuti durevoli, mentre i mobili che non subiscono molta usura, come un divano da letto o una testiera, possono sfoggiare qualsiasi tipo di tessuto. Inoltre, in stanze come i bagni e le cucine, è importante considerare materiali che non subiscano variazioni a causa dell’umidità o del calore e che siano facilmente lavabili.

4. Considera i segni del tempo

A volte un materiale può sembrare la soluzione perfetta per le esigenze di un cliente, ma il nostro consiglio è quello di valutare anche come il tessuto o la pelle scelta diventerà con il tempo. I nostri tappezzieri possono dare risposta a tutte le tue domande in proposito, oltre che sulla cura dei materiali per farli durare nel tempo e le loro esigenze di pulizia. A tal proposito, invitiamo chi si rivolge a noi a chiederci informazioni senza esitare.

5. Scegli un divano comodo

Ultimo aspetto, ma non per importanza, è la comodità. Sedersi sopra un divano o una poltrona è il modo più semplice per sapere se ti piace il materiale di rivestimento su un determinato telaio, e come ci si sente quando ci si siede sopra. Nel nostro showroom di via Pontaccio 7 a Milano offriamo la possibilità di provare in prima persona i modelli esposti e, nel nostro laboratorio di produzione a Novate Milanese, disponiamo di numerosi modelli di poltrone e divani rivestiti e campionari di tessuti e pelli. Se ti innamori con un tessuto che non è già usato su uno dei nostri modelli, puoi richiederne un campione da portare con te, per avere un’idea migliore di come sarà nella stanza da arredare.

Seguendo questi punti potrai proporre al tuo cliente pezzi d’arredo adatti alle sue esigenze estetiche e pratiche, per garantirgli una soddisfazione totale a lungo termine.

 

Richiedi un appuntamento o collabora con noi >